silicone per stampi

Silicone per Stampi – Creare stampi per Resina con gomma siliconica

La produzione di oggetti o oggetti d’arte in resina epossidica richiede non solo senso delle proporzioni, creatività e mano esperta. Sono essenziali anche le giuste forme negative. Ma cosa succede se vi mancano gli stampi per il vostro progetto e non sono disponibili sul mercato? Nel nostro articolo imparerete come potete produrre il vostro stampo in silicone individuale con relativamente poco sforzo.

 

 

 

Lavorare con resina epossidica

Per l’arte con la resina epossidica è necessaria la resina stessa e naturalmente l’indurente. A seconda di ciò che si vuole realizzare per un’opera d’arte, vengono aggiunti vari altri materiali, come vernici – acrilico o inchiostro a base di alcool – e stampi in silicone. Ad esempio, se si desidera realizzare scatole di Petri, è possibile colorare stampi rotondi in silicone. Naturalmente non ci sono limiti alla vostra immaginazione: rotondi o quadrati, diamanti, fiori, stelle, secchielli, scatole, archi per modellismo – in linea di principio, potete riempire ogni possibile forma tridimensionale con l’aiuto di resina epossidica o altri materiali di colata.

La resina epossidica pronta per l’uso viene messa nello stampo. Poi si può sperimentare con i colori o, come nella colata di resina, si possono aggiungere vari oggetti come fiori o conchiglie. Una volta che la resina si è indurita, viene accuratamente rilasciata dallo stampo. È così che nascono opere d’arte uniche e regali molto speciali.

 

 

Quali stampi in silicone sono disponibili?

Il silicone è perfettamente adatto come materiale per stampi da colata, in quanto agisce come un agente di rilascio naturale. Per questo motivo e poiché il silicone è molto flessibile, la resina può essere facilmente rimossa dallo stampo dopo l’indurimento.

Inoltre, non ci sono quasi nessuna allergia nota al materiale. È anche considerato delicato e soprattutto non tossico. Non a caso viene utilizzato anche nella produzione di manichini e teglie da forno.

La gamma di stampi già disponibili sul mercato è ampia, perché teoricamente gli stampi da forno possono essere utilizzati anche per l’arte della resina. Per i principianti in particolare questi stampi sono adatti per essere provati. Tuttavia, l’usura è piuttosto elevata: con il tempo la superficie dello stampo diventa opaca e dopo alcune applicazioni la resina difficilmente può essere rimossa dallo stampo. Questo accade soprattutto quando si usa il silicone morbido. Inoltre, gli stampi disponibili sul mercato sono naturalmente predeterminati e spesso non lasciano lo spazio necessario per la propria creatività. Se volete sfogarvi in modo creativo e avere una forma personalizzata, l’unico modo è realizzare da soli uno stampo in silicone.

 

stampi in silicone per resina

 

 

Silicone per Stampi – il grado di durezza

Per realizzare da soli uno stampo in silicone, è necessaria la gomma siliconica. Questo composto morbido, che si indurisce relativamente rapidamente, è disponibile presso i rivenditori specializzati. Dopo l’indurimento, il silicone è elastico. La sua fragilità dipende dal grado di durezza scelto. In caso di sollecitazione eccessiva, si verificano crepe o fratture nel materiale.

La gomma siliconica è disponibile in diversi gradi di durezza. Questi sono indicati in Shore, dove un valore basso sta per alta elasticità e un valore alto per bassa elasticità:

  • Una sponda di 0 – 20 sta per un’elevata flessibilità e quindi materiale morbido, ma piuttosto instabile.
  • Il valore 20 – 40 indica un’elasticità media. Il materiale non è solo flessibile, ma anche relativamente stabile dal punto di vista dimensionale.
  • Un valore Shore di 40 – 80 sta per un materiale poco elastico e quindi piuttosto duro. È più resistente alle sollecitazioni, ma è anche piuttosto fragile.

 

Quale grado di durezza sia il migliore per voi dipende dal vostro progetto ed è anche, in una certa misura, una questione di tentativi ed errori. Più morbido è il materiale, più facile è liberare il pezzo dallo stampo. Tuttavia, a causa dell’elevata elasticità e della bassa fragilità, lo stampo è molto instabile. Per uno stampo solido è vero il contrario: i pezzi non sono così facili da sganciare e bisogna fare attenzione che il silicone fragile non si rompa. Tuttavia, gli stampi per colata con un alto valore Shore sono naturalmente più facili da maneggiare perché sono meno flessibili e non si deformano con altrettanta facilità.

Oltre al grado di durezza, altre proprietà sono importanti. Sono disponibili masse di silicone con diverse viscosità, cioè silicone sottile o spesso. La variante scelta dipende dal vostro progetto.

La resistenza al calore e la sicurezza alimentare sono importanti se si vuole cuocere o fare il cioccolato con il proprio stampo. Prestare attenzione alla resistenza al calore fino a 200° C.

Un altro criterio dovrebbe essere rivisto, a seconda della natura del vostro progetto: La resistenza del materiale alle sostanze chimiche. Dovrebbe anche essere resistente se si lavora con resina epossidica, calcestruzzo o altri materiali da getto.

Potete verificare se il silicone soddisfa le vostre esigenze presso il vostro rivenditore locale o consultare la scheda tecnica.

Oltre alla gomma siliconica, è necessario un telaio autocostruito e il bianco che si vuole riprodurre per produrre uno stampo negativo con stampo originale. Se invece si vuole lavorare senza lo stampo originale, la cornice viene omessa e si ha bisogno solo del bianco. Le seguenti sezioni spiegano le differenze tra i metodi di produzione degli stampi.

 

creare stampi in silicone

 

 

Forme negative con forma originale

Se si vuole produrre un duplicato di un oggetto, il modo migliore per farlo è quello di realizzare uno stampo negativo con uno stampo master. A tale scopo, di solito è necessario un telaio in modo che il silicone, che viene successivamente versato per lo stampaggio, non possa diffondersi in modo incontrollato. Si può, ma non è detto che si debba necessariamente costruire una cornice da soli. Anche gli imballaggi di plastica vuoti sono adatti a questo scopo. Tuttavia, se volete costruire un telaio da soli, assicuratevi di rispettare le dimensioni dell’oggetto da duplicare in modo da non sprecare inutilmente il silicone. Questo è abbastanza costoso ed è fastidioso se se ne perde troppa. È essenziale che il telaio sia stretto in modo che il silicone non possa fuoriuscire o fluire nelle fessure o sotto i bordi. Ora mettete il bianco nella cornice.

Dopo aver preparato il silicone, seguendo le istruzioni del produttore, versarlo nel telaio. Assicurarsi che la miscela sia distribuita uniformemente ovunque. Ora il silicone si indurisce e può essere facilmente rimosso dal telaio.

 

 

Forme negative senza forma originale

In questa tecnica, il silicone viene posto in una bacinella o ciotola contenente una miscela di detersivo e acqua. Lì diventa una massa malleabile con cui il bianco è racchiuso. La massa di silicone non deve essere usata con troppa parsimonia, altrimenti la forma diventa instabile e fragile.

Pensate ad un’apertura per rimuovere l’oggetto o ad un luogo da aprire dopo l’indurimento.

stampi per resinaBilder: Van Rossen / JLORTIZ / shutterstock.com

 

 

Prima di iniziare

Prima di iniziare, sono importanti alcune considerazioni preliminari sul vostro progetto. Ad esempio, prima di selezionare il materiale siliconico, è necessario osservare attentamente il vostro grezzo. A seconda del grezzo, lo stampo dovrebbe avere caratteristiche diverse:

  • Il bianco è liscio o ha ornamenti, scanalature o molti bordi? In quest’ultimo caso, il silicone deve essere morbido in modo da poter successivamente liberare facilmente la resina indurita dallo stampo. Per i grezzi semplici senza grandi crepe e ornamenti si può utilizzare un grado di durezza più elevato.
  • Il vuoto è pesante o grande? O piuttosto piccolo, leggero e maneggevole? E che materiale volete usare per la colata dello stampo dopo? A seconda della risposta, potrebbe essere necessario considerare che il silicone morbido è molto meno stabile del silicone duro. Se si utilizza materiale morbido, questo potrebbe portare a problemi di stabilità quando lo stampo viene versato in un secondo momento.

Suggerimento: Il silicone per la realizzazione di stampi è costoso. Se vi piace la semplicità, potete quindi anche ricorrere al silicone da bagno più economico. Questo materiale è adatto per i principianti. Tuttavia, non è possibile produrre qui un’immagine dettagliata. È adatto solo per la fusione di forme semplici.

 

 

Il miglior Silicone per Stampi per i vostri progetti

In termini di qualità, ci sono grandi differenze nei prodotti in silicone disponibili per la produzione di stampi in silicone. In particolare, la stabilità combinata con l’elasticità sono i fattori più importanti. Questi sono i siliconi duplicatori più collaudati a confronto:

 

 

La nostra raccomandazione: il silicone duplicatore WagnerSil

Il silicone duplicatore WagnerSil è il nostro preferito, in quanto il materiale è estremamente elastico e con durezza Shore A 26 è perfettamente adatto a riprodurre anche forme impegnative. Il rapporto di miscelazione è mantenuto molto semplice a 1:1, i componenti sono bicolore per una migliore visione d’insieme. Il set di siliconeWagnerSil con 1 kg è prodotto in Germania e ha un prezzo molto interessante.

 

Wagnersil 26 LE Gomma in silicone alimentare
  • 1 kg Silicone per duplicazione
  • 26 Shore A, tempo di lavorazione: ca. 30 minuti
  • Wagnersil 26 LE soddisfa i requisiti del BfR e della FDA per silicone di qualità alimentare.
  • E particolarmente adatto per stampi di grandi dimensioni e per forme che devono essere di qualità alimentare.
Vista su Amazon

 

 

 

Realizzare il materiale necessario per lo stampo in silicone

Esattamente quali materiali vi servono dipende, naturalmente, dal vostro progetto e dal tipo di produzione dello stampo. Supponiamo che si voglia realizzare uno stampo in silicone con l’aiuto di un telaio in legno, cioè lavorare con uno stampo master.

Per realizzare un tale stampo in silicone sono generalmente necessari i seguenti materiali:

 

Miscelazione di silicone per la duplicazione

 

Preparare forma e oggetto

 

Materiale supplementare

  • L’oggetto da duplicare
  • Stuzzicadenti o tampone di cotone

Utilizzare l’argilla modellante e i boccioli di cotone o gli stuzzicadenti per sigillare le crepe e le giunture del telaio. È importante che non ci siano o ci siano pochissime perdite di silicone.

 

 

 

La realizzazione di uno stampo in silicone – la nostra guida passo-passo

La realizzazione di stampi in silicone non è così difficile come può sembrare. Con le nostre istruzioni passo dopo passo potete realizzare un ottimo stampo in silicone, anche se siete principianti.

 

creare stampi in silicone per resina

 

La costruzione degli stampi – La costruzione del telaio

  • Concentratevi prima di tutto sulla costruzione del telaio. Il telaio dovrebbe racchiudere completamente l’oggetto che si vuole duplicare ed essere il più stretto possibile in modo che non possa passare il silicone. Utilizzare una piastra di base liscia, ma senza vetro. La gomma siliconica non è repellente per il vetro, quindi rimuoverla può essere una vera seccatura. Si consiglia quindi di utilizzare legno liscio anche per la piastra di base.
  • La piastra di base è racchiusa da quattro pareti laterali lisce. Per questi è possibile utilizzare anche pannelli di legno piallato liscio o MDF. Le pareti dovrebbero essere circa dieci millimetri più alte del vostro oggetto. Sigillare il più possibile i giunti dello stampo. Per questo si può usare l’argilla per modellare. Per lisciare le articolazioni, usare uno stuzzicadenti o un tampone di cotone.
  • Posizionare l’oggetto nella cornice con il lato da riprendere rivolto verso l’alto e fissarlo al pavimento, idealmente con colla a caldo, è possibile anche un forte nastro biadesivo. L’oggetto non deve in nessun caso scivolare durante il riempimento della massa di silicone. Ora la massa di silicone è mescolata.

 

Mescolare il silicone

  • Prima si pesa la quantità di silicone necessaria e poi si mescolano entrambi i componenti in un rapporto di 1:1. A tale scopo utilizzare la tazza di plastica e il bastone di legno. Fare attenzione a non sprecare troppo silicone. È possibile determinare la quantità di silicone necessaria o calcolando il volume o approssimativamente con l’ausilio di un bastoncino di misura.
  • È meglio mescolare diverse piccole porzioni piuttosto che una grande. Le piccole porzioni sono più facili da miscelare insieme, senza ingrossare. Inoltre, è quasi impossibile mescolare grandi porzioni di silicone, perché la massa è molto resistente. È quindi meglio preparare diverse tazze e dividere il silicone.
  • Dopo aver mescolato la massa nelle coppe, battere delicatamente il fondo delle coppe più volte in successione sul piano del tavolo per rilasciare bolle d’aria. Quindi attendere qualche minuto prima di versare il silicone nel telaio per consentire la fuoriuscita dell’aria.

stampi per resina in silicone

 

Versare il silicone

  • Se avete usato il legno per la costruzione del telaio, dovete prima spruzzarlo accuratamente con il distaccante o dipingerlo con olio. Dovreste seguire le istruzioni del produttore, perché non tutti gli oli sono adatti al silicone. Ce ne sono certamente alcuni che ne attaccano la superficie.
  • Dopo aver spruzzato o oliato il telaio, la massa di silicone viene versata sull’oggetto.
  • Se si vuole duplicare un grezzo che ha solo superfici grandi e lisce, la colata del materiale è relativamente semplice. Basta versare lentamente la massa di silicone liquido su di essa da un’altezza relativamente grande. Assicurarsi che l’intero oggetto sia circondato dal silicone.
  • Se l’oggetto ha molti angoli, angoli e spigoli, versare prima questi fuori con un sottile flusso di massa di silicone e poi versare il resto nel telaio. In questo modo, si può fare in modo che ogni crepa venga mostrata nello stampo.
  • Continuare fino a quando la superficie della massa di silicone è a circa cinque millimetri dal bianco.
  • Una volta riempito il silicone, battere delicatamente le dita contro ogni lato del telaio per consentire la fuoriuscita di eventuali bolle d’aria che possono essere nel silicone. D’ora in poi, è una questione di pazienza!

silicone per stampi

 

Rimuovere lo stampo di colata finito

  • Quando lo stampo in silicone è finito, dipende dalle sue dimensioni e dal silicone utilizzato. Alcuni stampi in silicone impiegano solo un’ora per indurirsi, altri fino a 24 ore. Per verificare se il processo è finito, premere delicatamente con un dito nello stampo. Ora rimuovere lo stampo dal telaio. Se l’avete ingrassata bene in anticipo, funzionerà da sola. Poi si può ancora raddrizzare il bordo. Basta usare un coltello per tappeti, un bisturi o delle forbici.
  • Per la cura, strofinare lo stampo in silicone con talco, che si dovrebbe fare anche dopo ogni utilizzo. La polvere mantiene la forma e mantiene il silicone flessibile.

 

 

Realizzare uno stampo in silicone in due parti

Con gli stampi in due parti si possono produrre vari oggetti di particolare interesse per i modellisti. In questo modo si possono fondere non solo opere d’arte in resina epossidica, ma anche parti di materiali diversi e di dimensioni diverse. Gli stampi possono essere utilizzati, ad esempio, per intonaco e calcestruzzo – ma naturalmente anche per la resina. Le parti in cemento o gesso possono essere dipinte e decorate in seguito, in modo da ottenere in questo modo cancelli, pile di ponti o facciate di case. Se si lavora con la resina epossidica, si possono creare bellissimi oggetti voluminosi con stampi in due parti in cui si possono incorporare vari oggetti, come foglie secche e fiori.

Oltre ai materiali di cui sopra, avrete bisogno di un po’ di argilla da modellazione per realizzare uno stampo in silicone in due parti. Si preme questo nella cornice in modo che sia riempito a metà. Assicuratevi di foderare bene gli angoli e di lisciare la superficie.

Ora premere il bianco a metà nella plastilina e riempire lo stampo con la gomma siliconica. Lasciare indurire il materiale e poi rimuovere sia lo stampo in silicone che la plastilina. Tuttavia, lo stampo finito viene immediatamente rimesso nel telaio, perché verrà utilizzato una seconda volta.

Mettete il vostro bianco esattamente nell’incavo. Ora rivestire la muffa con vaselina in modo che entrambe le metà della muffa possano essere facilmente separate in seguito. Nell’ultima fase, versare di nuovo il silicone liquido nel telaio e lasciarlo indurire di nuovo.

 

https://www.youtube.com/watch?v=XqAJKEqY6Tw&feature=emb_logo

 

 

Spazi vuoti con sottosquadro

I moduli con sottosquadri rappresentano una sfida particolare. Un grezzo con un sottosquadro ha angoli o spigoli che sporgono e possono essere d’intralcio quando viene rimosso dallo stampo. Poiché il silicone è flessibile, piccoli sottosquadri non sono un problema, soprattutto se il silicone è morbido con una riva di 0 – 20. I grandi sottosquadri, tuttavia, sono più difficili da gestire.

È meglio realizzare uno stampo in due parti o anche in più parti per i grandi sottosquadri. Quando si rimuove il bianco, fare attenzione a non allungare eccessivamente il silicone e selezionare gomma siliconica morbida.

Suggerimento: Se la rimozione non funziona affatto, si può tagliare lo stampo su un bordo e poi rimuovere il pezzo grezzo. Successivamente si applicano allo stampo diverse gomme strette per chiudere la fessura che si è creata. In questo modo è possibile rimuovere facilmente il pezzo finito anche in un secondo momento.

 

Consigli e trucchi per stampi in silicone di successo

 

  • All’inizio non volete fare una cornice per lo stampo? Provatelo con i mattoncini Lego! Stendete una piastra di base in legno liscio e costruite semplicemente una struttura in mattoncini Lego. Per quanto riguarda le dimensioni e la forma, fatelo in base alle vostre esigenze. Poi usarlo come un telaio di legno.
  • Quando si permette al materiale di polimerizzare, assicurarsi che la temperatura ambiente sia ottimale. Se la temperatura è inferiore a 18° Celsius, il processo durerà troppo a lungo. Tuttavia, se la temperatura ambiente è troppo alta, lo stampo si asciuga troppo rapidamente e possono formarsi dei grumi nel materiale. La migliore temperatura ambiente è compresa tra i 18 e i 22° C.
  • Vi diremo un piccolo trucco per misurare la quantità di silicone necessaria: costruite il vostro telaio come descritto e incollate il vostro bianco. Incollare anche la cornice alla superficie. Riempire quindi il riso nello stampo fino a coprire il vuoto con circa un centimetro di riso. Ora versate il riso in una ciotola e pesatelo. Il peso del riso è all’incirca uguale alla quantità di silicone necessaria.
  • Le forme semplici sono certamente più adatte ai principianti, altrimenti c’è il rischio di frustrazione. Fate con calma e prendetevi il vostro tempo.

 

Inspirationen

I giocatori avanzati sono invitati a cimentarsi in una partita a scacchi in resina epossidica. Questo progetto significa molto lavoro, ma si tradurrà in un’idea regalo assolutamente brillante per gli amici scacchisti.

I gioielli in resina epossidica hanno un aspetto nobile e moderno allo stesso tempo. Forse alla tua figlioletta piace indossare il gioiello preferito della mamma o del papà – ma questo è troppo costoso per metterglielo semplicemente in mano? Duplicatelo con resina epossidica e riempite la resina con particelle di glitter o piccole stelle. Gli occhi di tuo figlio brilleranno!

Anche i ciondoli nobili con fiori secchi possono essere realizzati bene con resina epossidica. Se si utilizza uno stampo in silicone autocostruito, si è completamente liberi nelle proprie possibilità di progettazione.

Semplici stampi in silicone sono disponibili ovunque nel commercio. Tuttavia, se si vuole sfogare la propria creatività, non si può andare in giro a fare il proprio stampo in silicone. Tuttavia, con le nostre istruzioni per la costruzione di stampi, quasi nulla può andare storto. Provateci!

 

Articoli simili