Pavimenti in Resina – Rivestimento del pavimento del garage con resina epossidica [Istruzioni]

pavimenti in resina

 

Spesso il garage non è niente di speciale: un noioso pavimento di cemento che serve al suo scopo – niente di più. Se si vuole fare di più con il parcheggio di casa per la vostra auto, è possibile utilizzare il rivestimento del pavimento del garage con resina epossidica. Questo permette di impostare accenti colorati o impressionanti. Inoltre, un rivestimento attraente rende più facile la successiva manutenzione del garage. Questo articolo spiega passo dopo passo come applicare un rivestimento in resina epossidica per il pavimento del garage e a cosa bisogna prestare attenzione.

 

 

 

Definizione, costi e vantaggi – Perché un pavimento per garage 2k è la soluzione ideale?

Cos’è un rivestimento per pavimenti in resina epossidica? La resina epossidica è una forma di plastica che si divide in due componenti. Questi si combinano chimicamente tra loro e formano una superficie solida dopo l’indurimento. È anche possibile incorporare trucioli e scaglie decorative.

Quanto costa un pavimento di un garage rivestito con resina epossidica? I costi dipendono principalmente dal fatto che il rivestimento venga eseguito all’interno dell’azienda o che sia un professionista ad occuparsene. In generale, i prezzi partono da circa 40 euro al m². Per un parcheggio di circa 20 m², un rivestimento in resina epossidica costa circa 700 euro.

Non appena un’azienda professionale si occupa del rivestimento del pavimento, vengono aggiunte alcune centinaia di euro. Alla fine si pagherà circa 1200 euro per il rivestimento completo del pavimento con un professionista. Il prezzo varia anche a seconda dello strato applicato, dell’area coperta e degli eventuali costi di viaggio.

 

 

Vantaggi del rivestimento del pavimento del garage in resina epossidica

E i vantaggi del rivestimento? Rivestire il pavimento del garage con resina epossidica 2k non solo crea una bella vista quando si entra nel garage. Soprattutto i rivestimenti 2k offrono proprietà pratiche e antiscivolo grazie agli additivi in essi contenuti.

Il rivestimento è utile anche per la protezione a lungo termine del pavimento. Questa protezione può includere vari prodotti chimici, olii, liquidi, sale stradale e benzina. In questo modo potrete beneficiare a lungo di una superficie attraente e di facile manutenzione per il vostro veicolo.

In sintesi, la resina epossidica 2k offre numerosi vantaggi come rivestimento per pavimenti di garage:

 

  • Veloce e facile da applicare
  • Protezione contro i plastificanti dei pneumatici
  • Protezione contro i liquidi (benzina, olio, prodotti chimici, liquidi e condensa con sale stradale)
  • Molto resistente
  • Senza usura
  • Privo di giunti
  • Facile da pulire

 

La lunga fase di asciugatura e la lunga procedura di applicazione possono essere svantaggiose. Inoltre, il rivestimento di un pavimento completo del garage con resina epossidica non è necessariamente favorevole. Tuttavia, non appena il rivestimento sarà finito, il pavimento del garage sarà una base facile da curare, durevole e robusta per il vostro veicolo.

 

 

Istruzioni passo dopo passo per il rivestimento del pavimento del garage con resina epossidica

Per assicurarsi che il rivestimento del pavimento del garage in resina epossidica abbia successo, è utile avere le istruzioni pronte. In sostanza, si dovrebbe applicare la resina epossidica solo nella quantità effettivamente necessaria. Una volta che la resina si è legata all’indurente, non bisogna più bighellonare! Se il rivestimento non viene applicato abbastanza velocemente, la resina si indurisce prima che abbiate finito il vostro lavoro.

Con l’aiuto delle seguenti istruzioni passo dopo passo è possibile rivestire facilmente il pavimento del garage con la resina epossidica 2k. Sono necessari solo i seguenti materiali:

 

  • Primer
  • Resina epossidica
  • Pennelli
  • Scarpe chiodate
  • Agitatore
  • Sigillatura
  • Rotolo per la sigillatura
  • Secchio
  • eventualmente un aspirapolvere
  • Detersivi
  • se necessario, martello, spatola, spazzola d’acciaio

 

A seconda del vostro gusto personale potete anche fornire patatine fritte decorative o perline di vetro. Qui dipende soprattutto da come deve essere il pavimento dopo.

 

Materiale necessario per creare un pavimento del garage in resina epossidica

1. Riparazione di eventuali aree danneggiate

Eventuali aree danneggiate del terreno devono essere riparate in modo che il sottosuolo sia bello e uniforme. A questo scopo è adatta una speciale malta da riparazione.

 

 

2. Adescamento del substrato

Con sottofondi assorbenti come il calcestruzzo, è altamente consigliabile adescare prima il pavimento per evitare che la resina epossidica applicata sprofondi e richieda più mani.

 

 

3. Rivestimento del pavimento con resina epossidica / vernice per calcestruzzo 2k – prova di rivestimento del pavimento del garage

Il materiale più importante è la speciale resina epossidica, che è stata sviluppata per il rivestimento del pavimento del garage. Qui ci sono diverse qualità e prodotti sia colorati/trasparenti che già colorati. La qualità del materiale è importante – qui non si deve assolutamente risparmiare e acquistare una resina epossidica di qualità inferiore, perché questo è fondamentale per un pavimento di successo.

 

 

4. Vernici a resina epossidica, scaglie decorative e granuli di vetro

Per colorare la resina si dovrebbe usare un colore adatto. Ulteriori accenti di colore possono essere ottenuti con fiocchi decorativi che vengono cosparsi nella resina ancora umida. Il granulato di vetro è particolarmente adatto per rendere il substrato antiscivolo.

 

 

5. strumenti

La resina epossidica è più facile da applicare sia con un grande raschietto che con un rullo di rivestimento privo di lanugine

Dopo il processo di spandimento vero e proprio, un rullo di sfiato viene utilizzato per scorrere nuovamente su tutta la superficie, in modo che le eventuali bolle d’aria contenute possano fuoriuscire e la superficie venga livellata.

Quantità maggiori di resina epossidica e indurente dovrebbero idealmente essere miscelati in un contenitore di grandi dimensioni. A questo scopo è adatto un potente trapano con un dispositivo di agitazione.

 

 

6. Sicurezza sul lavoro

Quando si lavora con l’epossidico, è necessario seguire le precauzioni di sicurezza di base per evitare di mettere in pericolo la propria salute. Ciò include l’uso di guanti di nitrile e occhiali di sicurezza. Per essere protetti da possibili fuoriuscite di vapori, si consiglia inoltre di indossare una maschera di respirazione con un filtro adeguato.

 

 

Fase 1: Controllare il pavimento del garage per verificare la presenza di umidità e macchie d’olio

I danni al pavimento assicurano che il rivestimento non possa essere applicato in modo completamente liscio. Affinché il rivestimento epossidico funzioni, il pavimento del garage deve essere completamente esposto. Allo stesso tempo, le macchie d’olio e l’umidità devono essere rilevate prima dell’inizio del lavoro vero e proprio.

Le macchie porose nel calcestruzzo sono un rischio per il rivestimento del pavimento. Controllare con un martello e una spazzola d’acciaio per vedere se qualche componente si stacca dal pavimento. In questo caso, si consiglia di macinare il pavimento del garage prima di rivestirlo. In caso di danni estesi, di solito vale la pena di sostituire l’intero calcestruzzo prima di utilizzare la resina epossidica.

 

Fase 2: Pulizia del pavimento del garage

L’ispezione del pavimento del garage di solito rivela già i punti deboli. Anche la sporcizia, la polvere e le macchie d’olio nel garage hanno un ruolo importante. Affinché il rivestimento si indurisca correttamente in seguito, è necessario pulire il pavimento del garage.

Una spatola è utile per pulire il pavimento. Questo può essere utilizzato per rimuovere lo sporco ostinato e le macchie di vernice secca. In seguito, un aspirapolvere aiuta a rimuovere polvere e sporcizia. Assicurarsi di rimuovere le macchie d’olio con uno smacchiatore ad olio adatto.

Infine, per questa fase si raccomanda di trattare il pavimento del garage con un tubo dell’acqua o un’idropulitrice per rimuovere lo sporco residuo. Se poi notate della sporcizia nel garage, potete provare un detergente speciale per pavimenti in cemento.

 

Importante: il pavimento deve asciugarsi completamente dopo tutti i lavori di pulizia! Un foglio di plastica a tenuta d’aria indica l’eventuale presenza di acqua di condensa. Il pavimento in calcestruzzo appena posato richiede almeno 5 settimane per essere asciugato. Il rivestimento può quindi iniziare.

 

Fase 3: Adescare il pavimento del garage

La resina epossidica come rivestimento per il pavimento del garage può richiedere un primer. Questo primer è particolarmente necessario su un substrato che ha proprietà altamente assorbenti. Questa procedura garantisce che il substrato per il rivestimento sia impermeabile. Come si procede?

Utilizzare un rullo di vernice per stendere la mano di fondo sul pavimento come si fa quando si dipinge. Assicurarsi che le strisce applicate non si sovrappongano. Una volta applicato il primer, attendere un minimo di 12 e un massimo di 48 ore. Questo è il tempo necessario per asciugare il primer.

Soprattutto in estate, l’adescamento del pavimento del garage può causare difficoltà: L’aria calda contiene naturalmente più umidità dell’aria fredda. Il pavimento del garage è a circa 15° C, che a sua volta può causare condensa. Il problema è che quando il primer si asciuga, l’acqua di condensa a volte causa macchie antiestetiche. Per garantire che tutto funzioni senza intoppi, si raccomanda una temperatura da 16 a 23° C. Attenzione: il pavimento deve avere una temperatura di almeno 10° C in modo che il lavoro possa essere eseguito in modo pulito.

 

pavimento in resinaPrima del rivestimento con resina epossidica si consiglia di applicare un primer. Immagini: bhakpong – stock.adobe.com

 

Fase 4: Miscelare la resina epossidica

Prima di poter utilizzare la resina epossidica, è necessario miscelarla secondo le proprie esigenze. Per fare ciò, miscelare i 2 componenti della resina epossidica (resina + indurente) in un rapporto di 2:1. Un agitatore facilita la miscelazione dei due elementi. L’agitazione è particolarmente importante per garantire che la miscela sia uniforme e abbia una buona resistenza alla fine.

Dopo aver miscelato i due componenti, si consiglia di attendere 10 minuti. Durante questo tempo l’aria rimanente fuoriesce dalla miscela. In questo modo si evita la formazione di bolle d’aria nel rivestimento.

pavimenti in resina per esterni

 

 

Fase 5: Applicare la resina epossidica sul pavimento del garage

Una volta miscelata la resina epossidica, il tempo è fondamentale. La resina ha di solito un tempo di gocciolamento di 2 ore. Durante questo periodo è necessario aver spalmato la miscela sul pavimento del garage per evitare che si indurisca prima di allora. Un cronometro o un timer in un telefono cellulare è adatto a questo scopo.

resina per pavimenti

 

È possibile applicare la miscela con un pennello negli angoli. Per il resto dello spazio del garage è meglio usare un rullo per capelli corti. La resina epossidica viene applicata a strisce, proprio come si dipinge un muro. Idealmente, queste strisce dovrebbero sovrapporsi uniformemente per creare uno strato uniforme. Lo strato deve poi asciugare per 12 ore.

 

resina pavimenti

Dopo l’applicazione della resina, il pavimento può essere eventualmente sigillato. Immagini: bhakpong – stock.adobe.com

 

Fase 6: Spargimento di scaglie o trucioli decorativi

Chi trova troppo poco appariscente il normale strato di resina epossidica sul pavimento può ricadere su scaglie decorative o scaglie di colore. Avrete bisogno di un paio di guanti per questi accenti di colore.

La dispersione delle particelle di colore avviene direttamente dopo il rivestimento. Afferrate alcune patatine con la mano guantata e spargetele uniformemente sul pavimento. Se vi piace la fantasia e avete un talento per l’arte, potete anche disporre i fiocchi decorativi secondo un certo schema. Oltre ai colori bianco e nero, il commercio offre un’ampia scelta di chip di colore.

pavimento in resina costo

 

Fase 7: Dopo la messa a letto: sigillare il pavimento

È necessario sigillare il pavimento del garage anche dopo? A cosa ti serve uno strato di sigillatura? La sigillatura supplementare è particolarmente utile se si dispone di frammenti di colore sparsi. Ma uno strato di sigillatura può essere utile anche senza accenti di colore nel rivestimento. Perché senza sigillare lo strato di resina epossidica, possono rimanere degli spigoli vivi. Queste possono essere ammorbidite o addirittura completamente lisciate con la sigillatura.

Nota: un’eccessiva lucentezza dello strato può indicare che il rivestimento è stato applicato in modo troppo spesso. In questo caso la resina epossidica o il composto sigillante deve essere steso ulteriormente sul pavimento.

 

Fase 8: Asciugatura e indurimento

Prima di poter utilizzare il pavimento del garage per te e per il tuo veicolo, devi aspettare. Il rivestimento deve indurirsi completamente per renderlo forte e resistente. Si consiglia una temperatura ideale di 20°C. Un’umidità relativa dell’aria del 65% fa il resto per far indurire il materiale.

Quanto tempo ci vuole prima di poter camminare sul pavimento del garage? Il pavimento rivestito è generalmente accessibile dopo 24 ore. Ma attenzione! Camminabile significa non passabile. Un’auto pesa molto di più di una persona. Di conseguenza, il rivestimento del pavimento può essere sufficientemente indurito per una persona dopo un giorno. Per un veicolo, questo periodo non è sufficiente.

Per garantire che il rivestimento possa resistere al carico di un’auto, attendere una settimana. Dopo 7 giorni al massimo si può portare un’auto in garage. E’ meglio aspettare 12 giorni. Questo periodo di tempo richiede un po’ di pazienza. Tuttavia, vale la pena aspettare. Se si agisce troppo presto a questo punto e si sollecita troppo il pavimento, si rischiano segni antiestetici e ammaccature irregolari nello strato di resina.

 

Ultimo passo: manutenzione del pavimento finito del garage in resina epossidica

Una volta seguiti i passi precedenti, il rivestimento del pavimento del garage è completo. In condizioni d’uso normali, il rivestimento durerà circa 4 anni. Dopo di che è consigliabile rinnovare il rivestimento. Nel frattempo, si può facilmente mantenere il pavimento in resina epossidica.

Spazzare, pulire, passare l’aspirapolvere e pulire con un’idropulitrice ad alta pressione è possibile senza problemi. Di solito non è necessario carteggiare il pavimento nel frattempo. La superficie rivestita respinge in modo affidabile lo sporco, l’olio, l’acqua e il sale stradale.

 

 

Conclusione – rivestimento del pavimento del garage resina epossidica

Per rivestire il pavimento del garage con resina epossidica sono necessarie diverse fasi di lavoro. Queste istruzioni hanno dimostrato quanto possa essere vantaggioso un tale rivestimento e come possa essere applicato e lavorato al meglio. Soprattutto negli inverni freddi, la facilità di manutenzione e la robustezza del pavimento in resina epossidica è evidente.

Il rivestimento del pavimento del garage respinge lo sporco e la fanghiglia, è impermeabile e può essere pulito di nuovo in pochi semplici passi. Tutto ciò che serve è un panno per la pulizia o un’idropulitrice. Con un po’ di cura, velocità e pazienza si può creare un pavimento del garage bello e possibilmente colorato.

 

Articoli simili